Visitare l'eremo di S. Elia "Vecchio" vista

Curinga
(2 voti)

Si tratta di un eremo basiliano, risalente all'anno Mille, testimonianza della controffensiva bizantina contro gli arabi in Calabria, beneficato e protetto all'epoca dal basileus di Costantinopoli. Sorge in un punto panoramico da dove si scorge il Golfo di S. Eufemia. Dell'impianto originario della chiesa è giunto fino a noi, praticamente integro, un vano absidale quadrato mentre della navata resta visibile soltanto il perimetro. A pochi metri dal monastero ha inizio il sentiero che conduce ad un platano millenario la cui piantumazione sarebbe attribuibile ai monaci di S. Elia.

Foto di: Massimiliano Capalbo

Mappa

L’app con il sesto senso

Ricerca in tutti i sensi