Si tratta di un rito religioso che affonda le sue radici nel Seicento, e ancor prima molto probabilmente nelle tradizioni pagane, e si celebra la notte del venerdì santo per le vie del paese. La statua di Gesù morto viene portata in processione accompagnata da decine di abeti illuminati da lampioncini appesi tra i rami. Il movimento che compiono gli uomini nel trasportare la statua, una sorta di dondolio, spiega il termine "naca" che deriva appunto dal dialetto "annacare" che vuol dire dondolare.

Mappa

L’app con il sesto senso

Ricerca in tutti i sensi