Un rito che si ripete ogni anno, a Nocera Terinese, la sera del Venerdi Santo e il Sabato Santo che affonderebbe le sue radici in un'antichissima cerimonia praticata in Asia Minore al tempo dei Frigi come atto di fecondazione della terra e che poi, a partire dal Medioevo, come molti altri riti pagani, venne assorbito dalla religione cattolica trasformandosi in una forma di penitenza per espiare i peccati. Certamente coinvolgente.

Mappa

L’app con il sesto senso

Ricerca in tutti i sensi